Anno di realizzazione

2020

Stile

Pareti decorate e Boiserie

Minimi spostamenti delle pareti divisorie e dei passaggi, con interventi decorativi mirati, trasformano in modo significativo gli ambienti e ne migliorano la vivibilità

La ristrutturazione riguarda un appartamento di circa 120 m2 situato al piano mediano di una palazzina bifamiliare sviluppata su tre livelli, risalente agli anni ‘70, che si trova a Bra (CN), per conformarlo alle esigenze di una coppia con due bambini. L’appartamento si dispone a ferro di cavallo attorno al vano scale, con gli ambienti giorno e le camere collegate da un corridoio d’ingresso disposto ortogonalmente al piano scala. Questo piano, rispetto agli altri due, beneficia inoltre di un grande terrazzo esposto a Sud sul quale affacciano la cucina e il soggiorno: come sempre più spesso accade, l’intervento ha preso il via dalla demolizione della parete che divideva questi due ambienti, allo scopo di ottenere uno spazio giorno unico con un importante tavolo da pranzo in posizione baricentrica. La finestra del soggiorno è stata trasformata in portafinestra, sia per avere un ulteriore via di accesso al terrazzo oltre a quella preesistente della zona cucina, sia per portare più luce naturale nell’ambiente.

Pur rimanendo sostanzialmente invariato lo schema distributivo, quasi tutte le partizioni interne sono state demolite e, in parte, ricostruite con lievi spostamenti dal layout originale per ridimensionare le stanze; in questo ha avuto un ruolo importante l’intervento sul nodo ingresso/corridoio. Il portoncino d’ingresso, infatti, è stato spostato di 90° dal corridoio al living; il corridoio è stato ristretto alla larghezza di 1,1 metri e, spostando la porta di accesso alla camera matrimoniale, si è ricavato lo spazio per un vano tecnico che incorpora una lavanderia.

La camera matrimoniale, particolarmente grande, è stata ridimensionata per ottenere un nuovo bagno completo senza intaccarne la piena funzionalità. Le tracce per i nuovi impianti sono state realizzate senza smantellare i vecchi pavimenti, sui quali è stato poi incollato un parquet prefinito in rovere. In tutta la casa sono installate porte scorrevoli a scomparsa, l’unica porta a battente è quella del bagno principale.

I controsoffitti, oltre a facilitare l’impiantistica, hanno un ruolo importante nelle finiture e nelle scelte illuminotecniche: le griglie dell’impianto di climatizzazione sono fresate direttamente nei pannelli, il distacco dalle pareti permette di nascondere le sospensioni dei tendaggi e le strisce led, per non parlare della facilità di installazione di faretti incassati e a sbalzo o sospensioni localizzate in punti strategici.

Per leggere tutti i dettagli del progetto clicca qui.

Scopri altri lavori

Dello Studio Perrone